Home / Android / U_Led
U_Led

U_Led

U_led nasce da un progetto che affonda le radici negli anni ’90, ma vede la luce solo nei primi anni 2000. Col fiorire dei primi studi casalinghi, si fa strada una nuova via compositiva che Ettore Vivo (mentore del progetto) abbraccia in pieno. Nasce da esperimenti il primo demo-disco Traumapercussivo in cui le influenze cantautorali si fondono col dub e con il Reggae, generi musicali nelle corde di Vivo. Ma è solo nel 2007, con la pubblicazione di Col Dito Puntato, che il Progetto U_led ha il suo debutto discografico ufficiale, seguito a ruota con la pubblicazione e distribuzione digitale del disco Traumapercussivo. Col Dito Puntato riceve un ottimo riscontro della critica e l’apprezzamento di Michele Salvemini (alias Caparezza) che prende a cuore il progetto dando consigli e spunti utilissimi al futuro di U_led. Nasce così Non sparate sul Dubmaster, pubblicato nel 2011 da Nut e distribuito Audioglobe. Un progetto che si fa sempre più “rock”, discostandosi dal puro e semplice dub fatto di dj e sound system. Al soundsystem, infatti, si sostituisce una vera e propria band composta da 5 elementi ed inizialmente senza una vera e propria batteria, ma solo con l’utilizzo del Cajon. Non sparate sul dubmaster vede la partecipazione di numerosi artisti del panorama musicale nazionale: primo fra tutti Caparezza che duetta con Ettore Vivo in Non Comprare i libri all’autogrill; Sha One, voce de La famiglia ed autore di una struggente parte di testo in Penso Che; Emiro in Marco sogna. Inoltre, le chitarre in tutto il disco sono suonate dal grande Elio 100gr dei Bisca. Ottima la reazione della critica, anche in questo caso, ma stavolta anche il pubblico sembra colpito da una band in grado di mescolare sul palco generi totalmente differenti, creando qualcosa dal sapore tutto nuovo. Il disco è stato accompagnato dal lancio di 3 video: Il primo Non comprare i libri all’Autogrill ed il secondo Io Non lo so perché sono qui hanno avuto la regia di Luchè dei Co’sang, mentre il terzo ed ultimo estratto Medio Alzato vede alla regia lo stesso Ettore Vivo, in un video non-sense realizzato in piano sequenza. Un po’ Patchanka alla Manu Chao, un po’ Bennato ed un po’ Dub dalle sonorità acustiche, così può essere definito il progetto U_led come si presenta nel 2012. Il buon risultato di critica e pubblico è sfociato in un tour di oltre quaranta date in giro per l’Italia e culminato il 10 Dicembre con l’apertura del concerto di Caparezza al Palapartenope di Napoli, dove è stato anche eseguito per la prima volta il nuovo singolo “Malavita”, half cover del celebre pezzo del 1989 dei Manonegra, con un testo totalmente in italiano e dialetto napoletano, il cui messaggio è letteralmente stravolto in una direzione molto più sociale.
Il 28 Febbraio esce U_led, Ep che segna il passaggio di U_led da singolo a band. Il gruppo è composto da Giuseppe Porciello al basso, Marco Perrone alla chitarra, Fabrizio Potenzano alle tastiere, alla batteria Mario Palladino (sostituto di Francesco Franzese), a cui si unisce la suadente voce di Michaela Cornacchia. L’EP ha come copertina un’altra parodia (dopo quella di Born To Run di Non Sparate sul Dubmaster) ideata da U_led e sapientemente eseguita dal fotografo Luigi Reccia, che scimmiotta la celebre The Miracle dei Queen.

 

Album ed EP:

Traumapercussivo, disponibile su iTunes

Col dito puntato,  disponibile su iTunes

Non sparate sul dubmaster, disponibile su iTunes

U_Led, disponibile su iTunes

 

Ascolta ora su Spotify:

U_Led

 

 

 

 

 

 

 

Canale Youtube

Pagina Facebook

About Radio Entropia

avatar
Scroll To Top